Dettagli dell'immobile

Biella Via B. Bona Appartamento ristrutturato - Biella

  • DSC_0066
  • DSC_0029
  • DSC_0045
  • DSC_0030
  • DSC_0031
  • DSC_0032
  • DSC_0043
  • DSC_0035
  • DSC_0036
  • DSC_0037
  • DSC_0038
  • DSC_0039
  • DSC_0041
  • DSC_0047
  • DSC_0048
  • DSC_0050
  • DSC_0053
  • DSC_0058
  • DSC_0060
  • DSC_0061

Vendita €63.000,00 - Appartamento
2 Camere da letto2 Bagni1 Garage  Aggiungi ai Preferiti Stampa

BIELLA VIA B.BONA APPARTAMENTO RISTRUTTURATO

BIELLA VIA B.BONA APPARTAMENTO RISTRUTTURATO PROPONIAMO IN VENDITA APPARTAMENTO RISTRUTTURATO AL PIANO 2° COMPOSTO DA INGRESSO SU SOGGIORNO, CUCINA ABITABILE, DUE CAMERE DA LETTO, DUE BAGNI, RIPOSTIGLIO, LAVANDERIA, DUE BALCONI, CANTINA, SOFFITTA E AUTORIMESSA. TERMOAUTONOMO. LIBERO SUBITO. PREZZO EURO 63.000

C.E.”F” – I.P.E. 233,52 KWH/M2

Biella (AFI: /’bjɛlla/[4]; in piemontese Biéla, [‘bjela]) è un comune italiano di 44.599 abitanti[2], capoluogo dell’omonima provincia nel Piemonte settentrionale.

La città è situata ai piedi delle Alpi Biellesi, e la sua esistenza è attestata sin dall’alto Medioevo. Dominata in seguito dai vescovi di Vercelli, nel 1379 passò ai Savoia. Nel corso dell’Ottocento Biella conobbe un grande sviluppo urbanistico e industriale, divenendo presto nota per le sue industrie tessili.

Numerose sono le testimonianze storiche e artistiche del suo passato; tra le più importanti si ricordano il battistero, la cattedrale, il campanile di Santo Stefano e numerose ville e palazzi.

Biella è situata ai piedi delle Alpi biellesi, sezione delle Alpi Pennine, al centro di rilievi montuosi ricchi di sorgenti (Massiccio del Bo, monti Mucrone – con l’omonimo lago – e Camino cuore di questa sezione) che alimentano i torrenti Elvo a ovest della città, Oropa e Cervo a est.

Dista 72 km da Torino, 86 da Aosta, 100 da Milano e 115 da Lugano.

Distanza dalle altre province piemontesi: 42 km da Vercelli, 56 km da Novara, 97 km da Alessandria e Verbania, 92 km da Asti e 158 km da Cuneo.

I reperti preistorici attestano la presenza nel Biellese di cacciatori/raccoglitori neanderthaliani tra i 120.000 e i 35.000 anni or sono. Homo sapiens comparve invece nel paleolitico superiore, attorno ai 35.000 anni fa, come attestano tra gli altri alcuni ritrovamenti sul Bric Burcina (oggi al confine tra i comuni di Biella e di Pollone). In questo sito è anche documentata la presenza di un insediamento protostorico risalente alle età del bronzo e del ferro.[5]

La miniera di Vittimuli o Victimuli si insediò lungo i territori della zona della Bessa (pianura biellese) e sfruttò i giacimenti auriferi che dopo le glaciazioni si erano disciolti nel torrente Elvo. Tale sfruttamento continuò anche in epoca romana e continua ancora, sia pure come semplice hobby.

Sulla collina dove sorge l’attuale Parco della Burcina furono ritrovati nel 1959 attrezzi da lavoro e monili risalenti all’età del ferro che testimoniano le antiche origini di Biella[6].

Bugella

Un documento dell’anno 826 attesta come l’allora Bugella venne donata al conte Bosone da Ludovico il Pio (figlio di Carlo Magno), imperatore del Sacro Romano Impero, di cui Bosone era messo[7].

È questa la prima volta che il nome della città compare in un testo ufficiale; un altro documento (anno 882) testimonia poi di un’altra cessione, questa volta da parte di Carlo il Grosso alla Chiesa di Vercelli[8].

Il nome Bugella deriva dalla binata celto-latino di bu-cellae dove cellae significa luogo di dimora, mentre il prefisso bu è particella intensiva per indicarne la minore importanza, in questo caso rispetto a Vercelli dove il prefisso “ver” significa appunto maggiore importanza.[9]

Nel X secolo la città fu dominata da Alemanni, Longobardi e Franchi, i quali costruirono le prime mura. Di questo periodo restano soltanto il Battistero e il campanile di una chiesa dedicata a Santo Stefano (ora nome dell’attuale duomo cittadino) attorno ai quali creb

Mappa degli Immobili

Altri immobili

WhatsApp chat

Facebook